Sportitalia City Camp 2020, iscrizioni e bonus centri estivi

Si rinnova l’appuntamento con Sportitalia City Camp, il Campus estivo organizzato da US Folgore Caratese insieme a Sportitalia e rivolto ai ragazzi e ragazze nati dal 2006 al 2014 che hanno voglia di divertirsi giocando a calcio attraverso allenamenti mirati.

L’inizio dell’edizione 2020 è fissato per lunedì 29 giugno al Centro Sportivo “Claudio Casati” e fino a venerdì 28 agosto sarà una cavalcata entusiasmante di sport, divertimento, sole e formazione.

Come da tradizione lo staff tecnico è composto da allenatori preparati pronti a rendere lo “SPORTITALIA CITY CAMP” un’esperienza unica ed indimenticabile.

Le iscrizioni sono aperte, la segreteria della Folgore Caratese è aperta tutti i giorni proprio per agevolare la partecipazione di chiunque voglia misurarsi con un camp di qualità e strutturato.

Non solo perché, quest’anno l’Inps permette la possibilità di richiedere il nuovo bonus baby sitter anche per i centri estivi 2020, misura introdotta dal Governo con il decreto Cura Italia.

E’ possibile infatti richiedere il bonus per ciascun figlio con meno di 12 anni per campi estivi o baby sitter fruiti entro il 31 luglio 2020, purché entrambi i genitori siano lavoratori (anche se autonomi o iscritti alla gestione separata delle casse professionali) al momento della presentazione della domanda. Il bonus non è erogabile se un genitore percepisce NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego) o altri strumenti di sostegno al reddito.

La domanda può essere presentata tramite sito Inps accedendo con le proprie credenziali al portale, seguendo il percorso per i “servizi al cittadino, “Domanda di prestazioni a sostegno del reddito” e quindi “Bonus servizi di baby sitting”.

Nel presentare la domanda va allegata una documentazione che attesti l’iscrizione al centro estivo (ricevuta di iscrizione o fattura) specificando le settimane di frequenza del servizio entro il 31 luglio 2020 e l’importo della spesa sostenuta o ancora da sostenere.

Nella procedura dovranno essere indicati la ragione sociale e la partita iva (o il codice fiscale) nonché il tipo di struttura (codice) che ospita il minore.

Al Bonus possono accedere coloro che non abbiano mai presentato la domanda per la prestazione bonus baby sitting, con possibilità di vedersi riconosciuto un importo che può arrivare fino ad un massimo di 1.200 euro, o 2mila euro se si tratta di dipendenti del settore sanitario pubblico e privato accreditato o del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico.

Possono comunque presentare la domanda anche coloro che abbiano già fruito della prestazione bonus per servizi di baby sitting e che hanno ricevuto la somma pari a 600 euro, o a 1.000 euro, a seconda del settore di appartenenza, e che quindi potranno beneficiare della cifra di differenza.

Noi siamo, pronti. Partiamo!